Data: 27/04/2018
Email : xxx@gmail.com

Buonasera dottoressa. Ho una domanda da farle.
Ho una gattina di circa un anno e mezzo…fino ad una settimana fa vivevamo insieme io, la mia ragazza, un cane e appunto la gattina in un appartamento al piano terra con un piccolo giardino.
Ora in questa casa ci stiamo solo io e la gattina. Io dovrò trasferirmi da una casa con giardino in un appartamento e starò via parecchie ore al giorno (massimo 9 quando lavoro, ma potrebbe diventare anche una giornata tranne la notte).
La mia ex vorrebbe prendere la gatta con lei, dicendo che a casa sua c’e’ spazio (vivono in campagna) e in piu’ c’e’ il nostro cane (abituato alla mia gatta) piu’ un altro cane che conosce.

Io naturalmente vorrei tenere la gattina abituandola però ad una vita in appartamento e stando tante ore da sola.
Secondo lei quale è la soluzione migliore? Quali metodi dovremmo utilizzare perchè la gatta non scappi e non torni più?
Grazie mille del tempo

La ringrazio in anticipo!

Buongiorno,
la vostra è una situazione delicata e comprendo il suo desiderio di poter tenere con lei la gattina.
Per la sua gatta d’altro canto, oltre alla modificazione del suo nucleo sociale, si realizzerebbe una modifica ambientale e non di poco conto (casa con giardino verso appartamento).
Mi duole dirle che forse, sulla carta, la possibilità di andare a vivere in campagna è la soluzione migliore.
Parte del nucleo sociale sarebbe mantenuto e la tipologia abitativa sarebbe simile. I gatti che hanno la possibilità di uscire non amano generalmente trovarsi in soluzioni abitative chiuse e limitate.
Solitamente quando mi trovo a dover dare consigli di arricchimento ambientale per questi gatti, dico ai proprietari di riproporre sui loro balconi o terrazzi qualcosa che possa essere anche un lontano ricordo per il gatto: mettere piante e vasi, così come mensole o scaffali. Ovviamente in questo caso l’accesso al balcone dovrebbe essere sempre garantito e quindi prevedere una porta basculante. Non sempre sono facili modifiche da poter attuare, insomma.
Se opterete per la soluzione “campagna”, i primi tempi (da una a due settimane di solito) la gattina dovrebbe rimanere in casa o eventualmente fatta uscire con un guinzaglio, così da poter prendere dimestichezza con il nuovo ambiente e la sua organizzazione. Pian piano potrà tornare ad uscire da sola e imparerà ad orientarsi tanto quanto faceva nella precedente casa.

Cordialmente,
di Elena Borrione
(27/04/2018)

[Voti: 2    Media Voto: 5/5]

La Dottoressa risponde, quasi sempre prontamente, a tutte le richieste, nel limite della correttezza professionale. Spesso non e' possibile fornire via mail una soluzione pronta all'uso, ma ricevere uno spunto di riflessione e', in ogni caso, prezioso. Si ricorda di non chiedere ne' prescrizioni mediche ne' terapie farmacologiche via email
Hai provato a seguire la Dottoressa su Facebook? Clicca qui!

Una scelta difficile