Data: 13/11/2014
Da: XXX@gmail.com

Buongiorno Dottoressa,
la contatto per avere un consiglio sull’inserimento di un gattino maschio di 5 mesi con una gatta tricolore sterilizzata di 3 anni, con noi da circa un anno e mezzo. Premetto che la famiglia precedente l’ha riportata al gattile dopo qualche tempo per problemi comportamentali, e che conviveva con un altro gatto.

Con noi è tranquilla, non è mai stata aggressiva, semplicemente ha un carattere molto forte, se si rispettano i suoi tempi e i suoi spazi sa essere una gran coccolona, vuole molte attenzioni e ci segue dappertutto. E’ anche molto vivace, proprio per questo abbiamo pensato di prenderle un compagno di giochi, dato che durante il giorno siamo fuori per lavoro. Ora, il problema è che siamo in una fase di “stallo” con l’inserimento.

Abbiamo seguito la procedura di inserimento graduale, la parte sugli odori sembra superata e siamo all’incontro visivo. Il gattino è in bagno, abbiamo montato una rate davanti alla porta per tenerli separati ma in modo che si possano vedere e annusare. Il primo giorno il gatto di casa era impaurito, poi distraendolo con giochi l’abbiamo fatto avvicinare, ha ringhiato e soffiato al gattino. Nei giorni successivi (oggi è il terzo) la situazione è rimasta simile, il gatto residente si avvicina da solo ma sempre con molta cautela, non sembra incuriosito ma intimorito, continua a soffiare e ringhiare e ha cercato anche di tirargli un paio di zampate.
Ieri si è “appostata” a 10 cm dalla rete e faceva un ringhio a volume basso ma continuativo fissando il gattino, per un quarto d’ora di fila! Teoricamente dovremmo togliere la rete quando la nostra gatta smette di attaccare il gattino, ma la situazione non sembra migliorare con il passare dei giorni.
Le chiedo cosa dobbiamo fare? Portare pazienza ancora e continuare così o farli incontrare? Da ieri abbiamo introdotto il XXX, speriamo che aiuti la nostra gatta a stare un po’ più tranquilla. Il gattino non dà problemi, al momento non è per nulla preoccupato anzi, mangia, dorme, vuole coccole tutto il giorno, miagola perché vorrebbe uscire e giocare! Ai primi attacchi ha risposto soffiando e inarcando la schiena mentre negli attacchi successivi si è subito sottomesso indietreggiando. In ogni caso ogni volta che vede avvicinarsi il gatto di casa, il gattino gli corre incontro saltellando!
Grazie mille,

Buongiorno Sig.ra Patrizia,
da quel che mi scrive avete raggiunto una situazione di staticità. Il far vedere i gatti attraverso la rete genera una situazione statica, appunto, ed irrigidisce i comportamenti.
Il mio consiglio è di lasciare libertà ai gatti, inizialmente solo in vostra presenza (la sera o nel week end). La prima volta che toglierà lo sbarramento al piccolo abbia la cura di farlo in un momento di calma in casa, magari mentre la gatta è impegnata a fare altro e non sia concentrata sulla porta e sull’esserino che l’attraverserà. In caso contrario uno screzio più o meno violento sarebbe quasi sicuro. Più verosimilmente quando la gatta si accorgerà del piccolo, lo osserverà a distanza e se questo si avvicinerà soffierà e scapperà. In questo caso non la seguite per tirarla fuori dal nascondiglio. Concedete del tempo al piccolo per vedere la casa e poi riportatelo in bagno. A quel punto se la gatta uscirà, permettetele di visionare i posti in cui è stato il piccolo. Anche questo è un modo affinché due gatti imparino a conoscersi senza essere obbligati da subito a stare insieme.
Via via allungherete i tempi di vera coabitazione.
Nel caso avesse grandi dubbi e volesse soluzioni più mirate alla sua situazione, contatti un veterinario esperto in comportamento animale che possa valutare la situazione nella sua interezza.

Buonasera,
La ringrazio per le belle notizie.
Il piccolino imparerà a moderarsi grazie alle “sgridate” della gatta grande. In questo le farà bene.
Un saluto

Buonasera Dott.ssa,
abbiamo seguito il suo consiglio, li abbiamo fatti incontrare e dopo qualche tensione iniziale è andato tutto bene 🙂
Ad oggi hanno iniziato a rincorrersi giocherellando un pochino, la gatta non soffia più, si limita a ringhiare quando infastidita (va detto che il gattino è insistente quindi un po’ se le cerca!).
Per ora quindi sembriamo sulla buona strada, la ringrazio molto per la sua risposta e le auguro una buona serata.
A presto,

di Elena Borrione
(16/11/2014)

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

La Dottoressa risponde, quasi sempre prontamente, a tutte le richieste, nel limite della correttezza professionale. Spesso non e' possibile fornire via mail una soluzione pronta all'uso, ma ricevere uno spunto di riflessione e', in ogni caso, prezioso. Si ricorda di non chiedere ne' prescrizioni mediche ne' terapie farmacologiche via email
Hai provato a seguire la Dottoressa su Facebook? Clicca qui!
Stallo nell’inserimento nuovo gatto
Tag: Inserimento    Soffia    Tra gatti