Data: 20/8/2014
Da: XXX@gmail.com

Salve,
circa un mese fa ho preso con me, tramite un rifugio, una cucciola meticcia futura taglia medio-contenuta (che adesso ha 4 mesi).
Premetto che il padre è ignoto e la sua mamma una randagia prelevata (con tutta la sua cucciolata di ben 9 cuccioli) per mancanza di stallo solo 3 settimane dopo la loro nascita e portata nel rifugio in cui cuccioli e mamma hanno vissuto all’interno di un “simil-appartamento” (senza mai uscire) fin quando all’età di 3 mesi mi ha raggiunta, tramite staffetta, a casa.
Benché all’inizio e per giorni non mi guardasse nemmeno in faccia, ad oggi – dopo un mese di convivenza – pare fidarsi molto, mi ascolta, mi cerca, si sente molto sicura in casa, gioca, abbaia, ecc. tutto normalissimo direi – avendo avuto altri cani – finchè però non entra in contatto con altri (sia già “visti” che conosciuti per la prima volta) è molto diffidente non si lascia avvicinare, abbaia e arretra, sia dentro casa che fuori.
Ho, di conseguenza, enormi difficoltà a portarla a spasso ed ha addirittura timore ad affacciarsi anche al balcone, se sente dei rumori provenienti da fuori abbaia da dentro casa.
Tutto la terrorizza, rumori, vento, pioggia, macchine e persone, e quando le metto la pettorina prima scodinzola e poi non vuole uscire.
In questo mese insieme le ho provate tutte: l’ho portata con me ovunque, al ristorante, a casa di amici, amici sono venuti in casa, siamo andate in vacanza, al supermercato, al parco, sul treno, in macchina, fuori e ovunque! Ho provato a portare fuori al parco anche i suoi giochi ma sembra non vederli e rimanere iper-vigile rispetto a tutto il resto, inoltre, nonostante abbia anche provato con i suoi bocconcini preferiti – cercando di dargliene uno ogni qualvolta camminasse- sembra non vedere nemmeno quelli: fuori di casa non li mangia e se la chiamo in balcone si ritira dentro o nella sua cuccia.
Altri cani sono venuti in casa nostra e lei lo stesso in casa loro, (e rispetto la socializzazione con altri cani la vedo discretamente bene, a volte si avvicina, altre no, fa le feste a quelli che conosce già).
Ma il problema è la città, i rumori, gli uomini.
Vorrei capire se questi problemi di socializzazione possono semplicemente spiegarsi con la sua età di 4 mesi, o se – dati i presupposti – farei già bene a contattare un comportamentalista fin da subito.
Grazie per l’attenzione

Buongiorno Sig.ra XXX,
[…]
la sua situazione sembra abbastanza complessa.
Il mio consiglio è di rivolgersi quanto prima ad un veterinario esperto in comportamento animale per poter avere una valutazione chiara della sua cucciola e poter ricevere così il giusto aiuto. Quanto mi scrive sembrerebbe indicativo di problematiche legate allo sviluppo comportamentale della sua cagnolina con conseguenti problemi nello sviluppo di comportamenti sociali e dell’omeostasi sensoriale. Mi spiace non poterle al momento essere più utile di così.
[…]

Saluti,
di Elena Borrione
(22/08/2014)

[Voti: 4    Media Voto: 2.8/5]

La Dottoressa risponde, quasi sempre prontamente, a tutte le richieste, nel limite della correttezza professionale. Spesso non e' possibile fornire via mail una soluzione pronta all'uso, ma ricevere uno spunto di riflessione e', in ogni caso, prezioso. Si ricorda di non chiedere ne' prescrizioni mediche ne' terapie farmacologiche via email
Hai provato a seguire la Dottoressa su Facebook? Clicca qui!

Cucciola paurosa
Tag: Abbaia    Disperazione    Paura    Tra cani