Data: 20/10/2014
Da: XXX@libero.it

Buongiorno Dottoressa,
ho trovato i suoi contatti tramite internet. Le scrivo dalla XXX e ho un problema che vorrei esporle per avere anche solo un consiglio.

Ho quatro cani:

  • una femmina di 13 anni sterilizzata bassotta (Z)
  • due bassotti maschi: uno di tre anni e mezzo (B) e uno di un anno (L)
  • un meticcio di taglia piccola di 2 anni (D)

Fino a venerdì sera tra di loro c’è sempre stato un ottimo equilibrio, (Z) che si fa gli affari suoi da sempre mettendoli al loro posto ogni volta che hanno esagerato e i tre maschi che hanno sempre giocato e sono sempre stati vicini. L’integrazione è stata molto buona e non ci sono stati problemi.
Venerdì scorso eravamo tutti sul divano, come sempre, quando improvvisamente senza nessuna avvisaglia hanno iniziato a picchiarsi. Il mio veterinario mi ha detto che l’unico motivo per cui può esserci un cambiamento così repentino è una femmina in calore. (Z), nonostante l’età e nonostante sia sterilizzata ogni tanto ha qualche perdita molto odorosa, ma non di sangue e non so se potrebbe essere questa la spiegazione.

Io, dopo la “rissa” ho diviso (D) da (L) e (B) perchè (L), come (B) lo attacca si sottomette, quindi tra loro non ci sono problemi, mentre sembra che (D) non lo faccia. Forse ho fatto un grandissimo errore a dividerli ma mi sono fatta prendere dalla paura che potessero fare seriamente male a (D), che è la metà fisicamente, dei due bassotti.

Oggi con mio padre li abbiamo fatti incontrare di nuovo fuori casa, in un contesto neutro ed è andato tutto liscio, ma appena tornati a casa è ricominciato tutto… risultato finale (D) e (L) zoppicano e li ho divisi di nuovo. Ci sto molto male perché vorrei fare il meglio per i miei cani e ho paura di sbagliare, ma non sono capace di vederli picchiarsi e non intervenire.

Il mio veterinario mi ha detto che dovrei lasciarli insieme perché il fatto di picchiarsi è il loro modo per stabilire la gerarchie ma io non ne sono capace, ho il terrore che si feriscano seriamente anche se lui lo seclude con sicurezza. Vorrei che tra loro tornasse il clima sereno di prima, mentre ora (D) è terrorizzato. Spero Lei possa rincuorarmi un po’ e darmi qualche consiglio, perchè ora mi sento davvero tanto giù.

La ringrazio del suo tempo

Buonasera Sig.ra XXX,
il motivo scatenante la lite potrebbe in effetti essere (Z). In prima battuta le consiglio di rivolgersi al suo veterinario curante per escludere problemi organici che possano scatenare altre liti. Le consiglio di continuare con le interazioni tra i tre maschietti, meglio se giocose, all’esterno e negli ambienti della casa neutrali (se ho compreso bene le liti si sono verificate solo sul divano). Per disincentivare le scaramucce, cerchi di prevenire le zuffe ad esempio richiamando i cani e suggerendogli attività alternative come il giocare o prendere un bocconcino. E soprattutto le consiglio di mantenere un atteggiamento il più sereno possibile.

Cordiali saluti,

Buongiorno Dottoressa e grazie per la Sua gentile risposta.
Ieri il veterinario mi ha consigliato di castrare chimicamente l’ultimo arrivato perché è stato il suo ingresso nel branco a squilibrare tutto quanto. È possibile che ora (B) sia così aggressivo con (D) perché lui non gli si è mai sottomesso? È anche possibile che (B) sia diventato così perché capisce che (Z) è sempre più vecchia e quindi lui ha più potere? Lo vedo molto nervoso ed agitato, piange se sente (D) ma se lo vede diventa matto. Potrei aiutare a superare questo momento dando un qualche tipo di calmante a (B) che possa aiutarlo anche a non vivere così male, perché non è per niente sereno! Grazie ancora Dottoressa.
Buona giornata

Buonasera Sig. ra XXX,
la castrazione (chimica o chirurgica) di un soggetto appartenente ad un gruppo di cani, è un intervento da valutare con molta attenzione. Alla castrazione stessa possono far seguito ulteriori complicazioni nella relazione tra i cani. Le dinamiche tra cani in un gruppo numeroso come il suo sono complesse, Le consiglio di rivolgersi ad un veterinario esperto in comportamento animale.

Cordiali saluti,
di Elena Borrione
(24/10/2014)

[Voti: 1    Media Voto: 4/5]

La Dottoressa risponde, quasi sempre prontamente, a tutte le richieste, nel limite della correttezza professionale. Spesso non e' possibile fornire via mail una soluzione pronta all'uso, ma ricevere uno spunto di riflessione e', in ogni caso, prezioso. Si ricorda di non chiedere ne' prescrizioni mediche ne' terapie farmacologiche via email
Hai provato a seguire la Dottoressa su Facebook? Clicca qui!

Zuffe improvvise
Tag: Tra cani    Zuffe