Data: 04/11/2014
Da: XXX@hotmail.it

Gentile Dottoressa Borrione,
le scrivo per chiederle un consulto circa il mio cane.

Circa due mesi fa ho accolto in casa un lakeland terrier di 16 mesi, il cucciolone non era mai stato in un’abitazione, aveva sempre vissuto in campagna con altri cani, non sapeva andare al guinzaglio e aveva paura di tutte le consistenze che non fossero quella del prato. Ora dopo quasi due mesi in cui abbiamo lavorato assieme riesce a passeggiare tranquillamente e non ha paura di nulla se non fosse che a casa da solo è incontenibile, le vocalizzazioni sono continue, ho provato ad interessarlo riservandogli i suoi giochi preferiti al momento della solitudine, ho provato a vestirmi più volte al giorno facendo finta di uscire per poi rimanere in casa e da dieci giorni a questa parte ho acquistato anche XXX diffusore e spray per aiutarlo a superare il problema, ma senza risultato.

Sicché continua ad abbaiare in continuazione una volta a casa da solo; ormai è quasi un mese che puntualmente prima di uscire lo registro ma ho notato veramente pochi progressi. Pensando che fosse un problema legato all’iperattività ho anche preso l’abitudine di fargli fare la passeggiata più lunga prima del momento io cui deve rimanere da solo.

Secondo lei sto sbagliando qualcosa? Cosa dovrei fare? Come comportarmi?
La ringrazio anticipatamente per il tempo dedicatomi

Gentile Sig. XXX,
laddove ci sono problemi legati al momento della separazione dal proprietario spesso alla base c’è un’insicurezza del cane, la cui causa può essere ricercata tra diversi fattori, tra cui uno sviluppo comportamentale deficitario nei primi mesi di vita.
Se non sono bastati gli accorgimenti che fin’ora ha messo in atto, facilmente questo sarà anche il suo caso.
I protocolli comportamentali prevedono di lavorare sotto diversi aspetti tra cui accrescere l’autostima, l’autocontrollo e la consapevolezza di sé.
Il mio consiglio è quello di rivolgersi ad un veterinario esperto in comportamento animale, per avere un aiuto mirato al suo caso specifico.

Cordiali saluti,
di Elena Borrione
(09/11/2014)

[Voti: 1    Media Voto: 4/5]

La Dottoressa risponde, quasi sempre prontamente, a tutte le richieste, nel limite della correttezza professionale. Spesso non e' possibile fornire via mail una soluzione pronta all'uso, ma ricevere uno spunto di riflessione e', in ogni caso, prezioso. Si ricorda di non chiedere ne' prescrizioni mediche ne' terapie farmacologiche via email
Hai provato a seguire la Dottoressa su Facebook? Clicca qui!

Ansia da separazione?
Tag: Abbandono    Disperazione    Piange